Intervista al collettivo BigRock, per il corto La Bottega degli Amici Immaginari

Il collettivo BigRock è una scuola di alta formazione dedicata alle nuove tecnologie, con master in computer grafica, concept art e virtual reality. Il collettivo BigRock si è fatto notare a Romics, il Festival del fumetto, animazione, videogiochi, cinema e intrattenimento con il corto La Bottega degli Amici Immaginari.

Come nasce il progetto?
"La Bottega" è un progetto di tesi del Master in Computer Grafica 28, uno dei corsi che abbiamo a BigRock. La tesi avviene durante l'ultimo periodo del Master ed è una sorta di simulazione di produzione, in cui i ragazzi (più o meno 100) lavorano insieme per realizzare un cortometraggio animato, comportandosi proprio come uno studio vero (Pixar, Dreamworks ecc).
La sfida è realizzare il tutto in meno di sei settimane, che per la qualità richiesta è veramente poco (Pixar ci mette cinque anni per realizzare un film), per questo i ragazzi imparano a lavorare a stretto contatto in catena di montaggio: saper fare gioco di squadra sarà una qualità essenziale per trovare lavoro in questo settore.


Qual è la storia de La Bottega degli Amici Immaginari?
Solitamente le storie che si celano dietro i nostri corti vengono scritte internamente dal nostro staff. "La Bottega" è uno di questi casi: nata dai nostri insegnanti di concept art, l'idea parlava di un negozio nascosto agli occhi degli adulti dove i bambini possono recarsi a trasformare i disegni delle creature immaginarie in veri amici da compagnia. 
Capita a volte invece che, per la scrittura della storia, ci facciamo dare una mano da registi o amici esterni. È successo ultimamente per il caso di "Above", l'ultima tesi appena uscita, nato dalla penna di Guido Quaroni, vice presidente del reparto di ricerca e sviluppo in Disney Pixar.

Quali sono le fasi primarie della realizzazione di un film animato?
Un corto, come qualsiasi film, nasce da uno script: due/tre righe al massimo che ne raccontino l'idea. Si passa poi allo storyboard: una sorta di fumetto disegnato in cui vengono ritratte quasi tutte le inquadrature che comporranno il corto, per capirne la continuità e l'efficacia. Quando lo storyboard è approvato, vengono preparati i concept dei personaggi e degli ambienti, vale a dire i disegni che serviranno da "bibbia" agli artisti per realizzare il progetto in tre dimensioni. Si studiano i colori, lo stile che dovrà avere la storia, ogni singolo dettaglio che possa servire a passare al pubblico le giuste emozioni.

Come si passa dallo studio all'animazione di un personaggio?
Quando il concept del personaggio è approvato, lo si comincia a modellare in 3D, rispettando fedelmente i disegni realizzati dal reparto di concept. Una volta che il personaggio è modellato, la produzione si divide in due reparti paralleli: il reparto di shading si occuperà di "colorare" il modello 3D facendo in modo che ogni sua parte assomigli ad un materiale preciso (legno, metallo, pelle ecc…), mentre i reparto di rigging creerà una specie di scheletro all'interno del personaggio, per fare in modo che questo si possa deformare correttamente quando verrà poi animato. Una volta ultimati rig e shading, ecco quindi che si passa all'animazione facendo assumere al personaggio delle pose "chiave", intervallate da altre pose intermedie, nel lasso di tempo a disposizione per la scena.

Quanto lavoro si cela dietro la creazione di un corto di breve durata?
Come visto prima, la realizzazione di un prodotto in computer grafica è un processo molto lungo e complicato. Ad un corto, come ad un film, ci mettono le mani tantissime persone, decine di dipartimenti diversi… È un pò come una catena di montaggio di un automobile: c'è chi si occupa di costruire il motore, chi il volante, chi le ruote… se ognuno dei dipartimenti lavora bene e in sintonia con gli altri, ne uscirà un'auto meravigliosa.
"La Bottega" è un corto realizzato da 100 studenti alla loro prima esperienza di produzione per cui a volte sono necessari compromessi e soluzioni "furbe" per riuscire a consegnare un lavoro di buona qualità nei tempi stabiliti. Quello che però ci importa di più è vedere come tutti i ragazzi siano arrivati a realizzare qualcosa che, solamente sei mesi prima, non si sarebbero mai sognati di poter fare.

Cos'è BigRock?
BigRock è una scuola di sognatori. Cresciamo le prossime generazioni di artisti che ispireranno la gente utilizzando la loro immaginazione. Abbiamo tre indirizzi di corso diversi: Computer Grafica, per chi vuole fare dell'animazione 3D e degli effetti visivi per cinema e TV il proprio futuro, Concept Art, per i disegnatori che vogliono realizzare i concept per i prossimi film o videogiochi, e infine Virtual Reality, per chi ha sempre sognato di realizzare videogiochi o esperienze in realtà virtuale con le nuove tecnologie. 

Come si diventa animatori?
Il bello della computer grafica è che esistono tantissimi ruoli diversi che fanno parte della produzione di un corto o lungometraggio: da chi modella a chi texturizza, chi inserisce luci, chi crea sistemi di controllo, chi finalizza…. C'è addirittura chi pettina capelli digitali o crea fuochi, acqua, esplosioni. L'animazione intesa come "muovere i personaggi" è solo una piccola parte di questo processo. È comunque un'arte meravigliosa e molto complicata: bisogna studiare tantissimo e fare altrettanta pratica per riuscire a trasmettere ad un personaggio delle movenze realistiche che possano esprimere le giuste emozioni.

A quali festival è stato presentato il corto?
"La Bottega" ha girato finora un pò tutta Europa e il mondo. È stato presentato in Francia al PIAFF, in Spagna al Cortoons Gandia, in India all'International Festival on Youth per citarne alcuni. Anche in terra nostrana sta raccogliendo diverse soddisfazioni: Ortigia Film Festival e Giffoni.

Ci sono dei premi o dei riconoscimenti che i corto ha ricevuto?
Per ora "I Castelli Animati" è stato il primo festival vinto dal corto. Ma stiamo attendendo diversi altri che si terranno nei prossimi mesi… dita incrociate!

Dove sarà proiettato prossimamente?
Quando è stato realizzato il corto, abbiamo mancato di pochissimo le iscrizioni per Annecy, il festival più importante nel campo dell'animazione. Contiamo di poterlo iscrivere a quello del 2020.

Ci sono altri progetti ai quali state lavorando?
"Above", il corto realizzato in Agosto dal Master in Computer Grafica 29 e scritto da Guido Quaroni è già online e presto comincerà anche lui la sua campagna festival. Per poter vedere il prossimo corto, bisognerà aspettare la fine di Febbraio!


Trovi questa stessa intervista nel numero 38 di A6 Fanzine. Divertiti a leggerlo e a sfogliarlo, in formato PDF. Scaricalo qui!

Se invece desideri avere la versione cartacea, non dimenticare di passare dallo shop.

SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici