POKEMON A MILANO - in mostra per festeggiare i vent'anni! - Il museo WOW scolto come pokestop nel nuovo gioco - 1 settembre 2 ottobre

mostra-omaggio
POKÉMANIA!

WOW Spazio Fumetto è uno dei Pokéstop milanesi presenti nella app Pokémon GO che sta facendo impazzire tutti!
E il parco adiacente al Museo è una palestra!
Nel ventennale dei simpatici mostriciattoli giapponesi il
Museo del Fumetto di Milano dedica loro una mostra-omaggio

1 settembre – 2 ottobre 2016

WOW SPAZIO FUMETTO
Museo del Fumetto, dell'Illustrazione e dell'Immagine animata di Milano

Viale Campania, 12 - Milano

Info: 02 49524744/45 - www.museowow.it – Ingresso libero
Orario: da martedì a venerdì, ore 15.00-19.00; sabato e domenica, ore 15.00-20.00. Lunedì chiuso


WOW Spazio Fumetto è stato trasformato in un Pokéstop (i punti di interesse dove i giocatori devono recarsi per guadagnare punti e oggetti speciali) di Pokémon GO, il gioco per smartphone del momento. Non solo, anche il parco Oreste del Buono, adiacente al museo, è presente nel gioco addirittura come Palestra, ossia uno dei luoghi dove si può far combattere i propri Pokémon contro quelli degli altri. Per celebrare la speciale ricorrenza, in giorni in cui tutti sembrano impazzire per cercare e addestrate i simpatici mostriciattoli, WOW Spazio Fumetto dedica una piccola mostra-omaggio alla loro storia. Tornati recentemente alla ribalta grazie all'incredibile successo di Pokémon GO, i mostriciattoli combattenti sono in realtà nati esattamente 20 anni fa, nel 1996,  in un videogioco, e diventati poi una serie animata, un fumetto, un gioco di carte, una serie di figurine e di gadget. La mostra, a ingresso libero, visitabile dal 1 settembre al 2 ottobre, racconta la loro storia, con un occhio di riguardo per il disegno, a partire dai character design di Ken Sugimori, passando per i disegni del cartone animato e per le illustrazioni di carte e figurine, fino alla grafica 3D in realtà aumentata di Pokémon GO.


La moda del momento è, senza dubbio, Pokémon Go. La app, sviluppata da Niantic e The Pokémon Company, in collaborazione con Nintendo, ultimo capitolo della celebre serie di videogiochi bestseller. In poco meno di due mesi è stata scaricata centinaia di milioni di volte dagli store Android e Apple, battendo tutti i record precedenti di download.

Il fenomeno ha generato decine di articoli sulla stampa generalista, è stato l'argomento dell'estate sui social network e ha generato non poche polemiche, causate dalla sua presunta pericolosità a causa di chi ci gioca per strada o, addirittura, alla guida.

Ma da dove nascono i Pokémon?

Oggi sembrano vivere un momento d'oro, una seconda giovinezza, ma proprio quest'anno compiono vent'anni. Il loro nome è la contrazione di Poketto Monsutā, la pronuncia giapponese dell'espressione inglese Pocket Monster, ossia "mostri tascabili". Nascono come videogioco per Game Boy, ideato da Satoshi Tajiri e Ken Sugimori, pubblicato in Giappone nel 1996 e l'anno successivo nel resto del mondo. Obiettivo del gioco era ottenere un esemplare di tutte e 150 le specie di Pokémon esistenti, obiettivo impossibile senza la collaborazione degli amici: per completare il gioco è necessario, infatti, scambiare i "doppioni" con gli altri collezionisti grazie alla possibilità di collegare due Game Boy.

Il successo del videogioco porta rapidamente alla produzione di una serie animata, che debutta il 1° aprile 1997 in Giappone. In Italia la vedremo solo dal 2000, ma trasformerà un videogioco di successo in un fenomeno di costume: nessun bambino resterà immune alla magia dei Pokémon, che si diffonderà anche nei fumetti, con la pubblicazione del manga, in riviste dedicate, giocattoli, gadget, magliette, oggettistica e in un celebre gioco di carte collezionabili.

Intanto Nintendo continuò a sviluppare nuovi capitoli della saga, arrivando a produrre 20 titoli originali in 20 anni, oltre ai remake delle versioni più vecchie man mano che cambiavano le piattaforme di gioco e decine di videogiochi fuori serie, divisi in sei generazioni di giochi, per un totale di 721 Pokémon.

La mostra Pokémania vuole raccontare questa storia, soffermandosi sui primi passi del franchise e sulla nascita del suo mito. Verrà data attenzione particolare al design dei Pokémon e alla loro rappresentazione, a partire dal design di Ken Sugimori per i primi titoli, passando per le varie generazioni di videogiochi, i fumetti e le illustrazioni per il gioco di carte. Immagini tratte dai videogiochi saranno affiancate ai disegni per i libri illustrati e alle altre vite multimediali dei mostriciattoli, per mostrare come sono cambiati in venti anni. Dai pochi pixel che li disegnavano in quel lontano 1996 alla grafica strabiliante di oggi. Una sezione importante sarà dedicata alla serie animata e ai film che ne sono stati tratti, tassello fondamentale nella mitologia dei Pokémon: se oggi tutti nel mondo conoscono Pikachu, Ash e il Team Rocket è certamente merito dei cartoni animati.

Completeranno la mostra gadget, pupazzi, manifesti cinematografici, oggetti vari dedicati ai Pokémon, per mostrare come i mostriciattoli siano "usciti" dal loro mondo digitale per invadere il mondo reale.

Curatore della mostra è Alberto Brambilla, responsabile della sezione mostre del museo e pokémondipendente dal lontano 1999, quando il videogioco arrivò finalmente in Italia: orgogliosamente si vanta di aver ottenuto tutti e 150 i Pokémon e di aver addirittura catturato il leggendario Mew!

a6fanzine

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici