Strange


STRANGE

Il giovane crossdresser, il bullo della scuola, il papà in crisi... sono alcuni dei personaggi che grazie alle loro storie ci ricordano che superando i pregiudizi, la vita può regalare emozioni inattese. La mangaka Yuruco Tsuyuki racconta l'amore, l'amicizia e i piccoli gesti quotidiani che compongono un mosaico sorprendente della sensibilità maschile, per la linea Aiken di BAO Publishing.


«Perché non ho mai provato a pensare ai sentimenti degli altri?»

BAO Publishing è lieta di annunciare un nuovo titolo della linea Aiken, il manga di BAO: il volume autoconclusivo Strange della mangaka Tsuyuki Yuruco.

Strange è nato come dōjinshi (fumetto autoprodotto) ed è un prezioso catalogo di forme sottili di dolcezza. In questo delicato volume si intrecciano le vite di sei coppie di uomini, che sembrano non avere nulla in comune, finché non lasciano andare i pregiudizi e imparano a conoscersi.

Un crossdresser e un giovane incerto sul futuro, il gamer e l'aspirante poliglotta, un padre in crisi e un ragazzo disoccupato, lo studente modello e l'anticonformista, il professore e l'alunno sensibile, lo zio e il nipote che devono imparare a conoscersi. Si incontrano, si aiutano, si capiscono, si sostengono.

Questi racconti tanto brevi quanto toccanti sfiorano temi profondi con grande sensibilità, alternano amore, amicizia, la magia dei piccoli gesti quotidiani e degli incontri inattesi e colmi di speranza.


Strange è disponibile in libreria e fumetteria dal 30 luglio 2020 


La fumettista Yuruco Tsuyuki vive nella regione del Kantō con il suo pappagallino. Dopo l'esordio nel 2014 con la storia autoconclusiva Semai sekai ni, nel 2017 esce in libreria il volume Strange, che l'anno successivo raggiunge l'ottava posizione nella classifica annuale "Kono manga ga sugoi!". Nei suoi libri, coglie gli aspetti più intimi dei sentimenti umani, con uno stile leggero e delicato.

a6fanzine

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici