Penguin Highway, la recensione

Nexo Digital e Dynit hanno portato al cinema un altro film d'animazione di successo, ovvero Penguin Highway.

Questo anime, tratto dal romanzo di Tomihiko Morimi,  ha conquistato la critica vincendo il prestigioso Japan SF Grand Prize, ed è il nuovo lavoro di Hiroyasu Ishida, autore anche di Fumiko's confession e Sonny Boy & Dewdrop Girl, il quale ha raccolto da parte della critica e vinto numerosi premi, come il Fantasia International Film Festival, il Best Animated Feature Film 2018 e il Satoshi Kon Award e l'Audience Award.

Una storia fantastica con protagonista Aoyama, un ragazzino di 10 anni, studente modello e con il pallino della ricerca scientifica, il quale indaga sull'apparizione di alcuni pinguini in circostanze misteriose. A supportarlo nella sua ricerca c'è la "sorellona", una giovane assistente dentista della quale è innamorato, o meglio, ha una fissa per le sue tette.

I due cercano di risolvere il caso, ma non sono gli unici bambini che sperimentano e che si divertono nel cercare di dare una spiegazione a ciò che accade, perchè ben altro di misterioso vi è nella foresta. Una sfera gigante che risucchia tutto ciò che incontra. A poco a poco anche gli adulti si renderanno conto della scoperta dei bambini, ma poco sensibili a ciò che accade, sembrano peggiorare gli avvenimenti che precipitano improvvisamente.

Mistero, avventura, un mondo di creature fantastiche ed affascinanti che compaiono all'improvviso, cavalcando l'innata curiosità dei bambini che in questo anime sembrano essere più responsabili degli adulti.

Un mondo che ricorda le atmosfere dei film di Hayao Miyazaki, così come le paffute creature che le animano. I teneri pinguini non sono altro che una calamita verso un fantastico in cui perdersi ad esplorare, per restare ancora un po' bambini.

Il lungometraggio è stato realizzato dallo Studio Colorido, su sceneggiatura di Makoto Ueda. Il design dei personaggi è stato affidato a Youjirou Arai e le musiche a Umitarou Abe.

Nella versione giapponese del film, che in Italia è proposto invece nella sua versione doppiata, la celebre Kana Kita è l'interprete di Aoyama, mentre Yuu Aoi (Tokyo Ghoul the movie, Redline) presta la sua voce alla "sorellona".

Ad eseguire il tema musicale del film, Good Night, ci sarà Hikaru Utada. Si tratta della sua prima canzone per un film di animazione dal 2012, dopo Evangelion: 3.0 You Can (Not) Redo.



Penguin Highway

Staff
Regia: Hiroyasu Ishida
Soggetto: Tomihiko Morimi
Sceneggiatura: Makoto Ueda
Design Personaggi: Youjirou Arai
Musiche: Umitarou Abe
Produzione animazioni: Studio Colorido

SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici