SHIPWRECK - NAUFRAGIO di Warren Ellis e Phil Hester esce il 20 settembre


SHIPWRECK: un naufragio ai confini dell'Universo firmato Warren Ellis


Dopo aver stupito con TREES e INJECTION, addentrandosi nei meandri della cultura e dell'immaginario contemporaneo, Warren Ellis ha deciso di spostarsi in una dimensione parallela. Lo ha fatto prendendo uno scienziato, il dottor Shipwright, e facendolo naufragare in una dimensione parallela tremendamente simile alla nostra.

Il risultato s'intitola SHIPWRECK – NAUFRAGIO (pagg. 136, euro 19.90), un distopico romanzo a fumetti disegnato da Phil Hester, pubblicato negli USA da AfterShock Comics e in Italia da saldaPress. Il volume cartonato esce giovedì 20 settembre e condurrà il lettore in un vero e proprio naufragio spazio-temporale, ai confini tra la vita e la morte del suo protagonista e del genere umano.

La Terra sta morendo e il dottor Shipwright ha la possibilità di salvarla: è riuscito a sviluppare una tecnologia che gli permette di viaggiare su altri pianeti. La sua intenzione è quella di individuarne uno che possa ospitare gli essere umani prima che sia troppo tardi. Un'impresa disperata, destinata a incontrare un ostacolo imprevisto e forse insormontabile, che lascerà Shipwright in balia di un pianeta alieno, pericoloso, in cui il tempo sembra aver fatto uno scatto, riportandolo indietro dalla morte. Un pianeta simile al nostro e completamente allo sbando. Shipwright desidera solo tornare a casa, ma non sarà affatto semplice, perché un viaggio può cambiare una persona per sempre, ma un naufragio può distruggerla.

Come ha scritto Jeff Lemire, SHIPWRECK è 'una storia mistery che scatena l'immaginazione. Trascina la fantasia in luoghi oscuri e bizzarri che neanche sai di voler visitare'. E i lettori italiani potranno scoprirlo a partire da giovedì 20 settembre in libreria, in fumetteria e nello shop del sito saldapress.com.



a6fanzine

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici