BLACK EYED KIDS: il secondo volume della serie esce il 27 settembre


Tornano i bambini di BLACK EYED KIDS
Giovedì 27 settembre esce il secondo volume della nuova serie AfterShock scritta da Joe Pruett e disegnata da Szymon Kudranski


Per molti, i Bambini dagli occhi neri sono solo i protagonisti di una popolare leggenda metropolitana nata negli anni '90, diffusasi grazie al genere Creepypasta. Quasi nessuno crede che esistano davvero, che siano creature mostruose o aliene, e che abbiano l'abitudine di fare l'autostop, di chiedere l'elemosina e di presentarsi sulla porta di casa degli sconosciuti chiedendo di entrare. Per una piccola cittadina degli USA, invece, i Bambini dagli occhi neri sono una terrificante realtà: sono assassini intenzionati ad annientare i suoi abitanti e tutta la specie umana.
In quella cittadina è ambientata BLACK EYED KIDS, la serie scritta da Joe Pruett, disegnata da Szymon Kudranski, pubblicata negli USA da AfterShock Comics e in Italia da saldaPress. Giovedì 27 settembre esce GLI ADULTI (pagg. 128, euro 14.90), il secondo volume della saga: ci si addentra ancora più profondamente nelle atmosfere cupe e nell'orrore che contraddistinguono la serie.
Jim, Gus, Lara, Riley, Randy, Jennifer, Meredith – cioè gli adulti già travolti dalla violenza dei Bambini, dalla morte di alcune persone vicine e dalla trasformazione, in alcuni casi, dei loro stessi figli – dovranno fare i conti con i piccoli assassini che vagano per le strade della città, obbedendo agli ordini del loro leader. Un leader misterioso, che parla di iniziazione, del desiderio di assoggettare la razza umana e di renderla docile e obbediente. Fermare lui e i suoi compagni dagli occhi neri non è semplice. E sembra quasi impossibile poter arginare il terrore.
Appuntamento in fumetteria, in libreria e nello shop del sito saldapress.com da giovedì 27 settembre. I Bambini dagli occhi neri non hanno intenzione di fermarsi.


a6fanzine

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici