David Bowie - l'uomo delle stelle, la recensione

Lorenzo Bianchi, Veronica “Veci” Carratello
Nicola Pesce Editore 2014,
160 pagine, B/N, Brossura
Euro 12,00
ISBN 978-88-97141-30-3

Quando un personaggio così carismatico come David Bowie entra nella vita delle persone, difficilemente esse possono restarne indifferenti.

La storia di uno dei più grandi musicisti della storia del rock, che con la sua musica ma anche con i suoi stravaganti costumi e cambi di immagine, è diventata una vera e propria icona. Una leggenda nel firmamento artistico che ispira generazioni di artisti, musicali e non, alla continua ricerca dell'innovazione e dello stupore, così come accade nel mondo dell'arte.

"L'uomo delle stelle", così è soprannominato in questa graphic novel di Lorenzo Bianchi e Veronica "Veci" Carratello, nasce proprio in una notte stellata, quando le congiunzioni astrali favorevoli danno vita a un essere magico, avvolto da un alone di mistero.

La storia di David Bowie viere raccontata attraverso episodi di pura fantasia, mescolati a quelli che invece ripercorrono la storia artistica dell'eclettico Duca Bianco, tra musica, mascheramenti, amori, tormenti e follie, così come spesso accade nella vita di personalità molto sensibili.

Il graphic novel, sceneggiato da Lorenzo Bianchi e disegnato da Veronica "Veci" Carratello è un puro omaggio al grande artista britannico, con una storia che scorre piacevolmente, sia per la scrittura, sia per i disegni, tutti rigorosamente in bianco e nero, ma curati sin nei minimi dettagli, specialmente quando vi sono degli elementi realistici che coinvolgono il Duca Bianco.


Nulla è lasciato al caso, dunque, in questa storia che vede concludersi con una biografia dell'artista, ripercorrendo alcune delle sue tappe più impostanti, come il rapporto con il teatro, il successo, il matrimonio e l'approdo al rock, non tralasciando il suo declino e naturalmente la sua rinascita, come una parabola verso le stelle.

C'è inoltre un capitolo dedicato al cinema, ove Bowie riesce con la sua straordinaria personalità a divenire uno degli idoli cul del cinema degli anni '80, grazie anche al film "Labyrinth".

Oltre la biografia, vi sono delle pagine accuratamente illustrate da "Veci", relative ai costumi indossati dal Duca Bianco, il quale hanno senz'altro lasciato memoria sia nei fans dell'artista, sia in coloro che si sono approcciati per pura curiosità alla sua musica ed arte.

Vi sono inoltre alcuni intervisti di artisti italiani, tra i quali Andy, Bugo ed Enrico Ruggeri, che narrano il loro rapporto con David Bowie.


Perla raccolta in questo volume biografico fumettato è l'intervista a Carlos Alomar, storico chitarrista di David Bowie, il quale racconta alcune esperienze relative al Duca Bianco.

Un lavoro che scorre piacevolmente alla scoperta di un eclettico artista ancora molto amato, (ri)scoperto dalle nuove generazioni che non possono far altro che carpirne quella magia avvolgente che aleggia intorno alla figura di David Bowie.

Lorenzo Bianchi (Firenze, 1990) Diplomato alla Scuola Internazionale di Comics, lavora nel settore del fumetto in veste di editor per la casa editrice RW Lion e fa parte del duo elettronico AltroQuandO.
David Bowie - L'Uomo delle Stelle rappresenta il suo esordio come sceneggiatore. Nel 2014 firma anche i testi di Enrico IV, adattamento a fumetti della famosa opera teatrale di Luigi Pirandello, disegnato da Angelica Regni ed edito da Kleiner Flug.
Il suo blog è: ducabianchi.blogspot.it


Veronica Carratello, in arte Veci (Novara, 1988) Diplomata alla Scuola Internazionale di Comics di Torino, ha collaborato con Edizioni Astragalo, illustrando i libri per l’infanzia Il mondo di Bagigio e Il Diario di Chicco, e con varie agenzie e aziende di design. Il suo esordio nel mondo del fumetto è rappresentato dall'autoproduzione Fat Bottomed girls. Nel 2014 ha partecipato all’antologia internazionale a fumetti Apuckalypse.
Il suo blog è: vecicomix.blogspot.it

SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici