Radio Tour Festival: la compilation

RADIO TOUR FESTIVAL 2012

La compilation dell'anno 

DAL 20 APRILE IN VENDITA ON LINE
copertina 

Questo è assolutamente un ottimo prodotto che non deve ad ogni costo mancare nella discografia di chi ama dare una mano al panorama dei nuovi artisti emergenti; il pacchetto si compone di ben 22 pezzi, tutti decisamente diversi tra loro e pieni di sfumature: dal pop al rock e al più commerciale.

Ancora una volta dal concorso canoro Radio Tour Festival è arrivata la brillante idea, di dare una mano a quei singoli artisti e gruppi emergenti delle realtà pop/rock/raggae/skà e dance a promuoversi, ad avere più visibilità, a superare i problemi che spesso prevedono il panorama ed il mercato musicale nazionale. Infatti gli artisti presenti in questa compilation e che hanno partecipato sono tutti italiani, e che varietà spettacolare di generi musicali!!!
Nonostante l’uniformità della compilation, la stessa non annoia affatto, dal momento che, ad un genere abbastanza uniforme e compatto come potrebbe essere il pop (che a orecchi non allenati potrebbe non mostrare molte differenziazioni) anche se commerciale, vengono aggiunte da parte dei vari singoli artisti o gruppi, nei loro pezzi, variazioni molto riuscite che vanno dal raggae al rock e altri generi, dalla musica più commerciale, fino a qualcosa più raffinato un po vecchio stampo. Davvero un’abilità ed un ricchezza incredibili! (Alla faccia di chi dice che la musica si sta appiattendo su schemi triti e ritriti…).
I pezzi sono cantati sia in italiano che in inglese; quelli in inglese, in linea di massima, risultano decisamente per la maggior parte più movimentati e commerciali, anche se anche quelli in italiano non sono affatto male.
Davvero un progetto di tutto rispetto e anche un tentativo di dare una vetrina a giovani artisti. 

Per ascoltare tutti i pezzi 

La compilation è in vendita su ITUNES 

SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici