Di ritorno da Romics 2011


Siamo tornate indenni da Romics: questa edizione, a nostra impressione, pare sia stata ancor più affollata della precedente.
Anno dopo anno le visite crescono a dismisura: chissà che l'organizzazione non decida di invadere tutta la Fiera di Roma per il prossimo anno.

Ma cosa è accaduto? Ve lo raccontiamo noi di A6 Fanzine.

Sin dalle prime ore del mattino, l'ingresso di Romics è stato preso d'assalto da migliaia di persone, specie ragazzi in perfetto stile cosplay.

Numerose le maschere che si sono aggirate tra gli stands: dai Puffi -quest'anno super festeggiati anche grazie al lungometraggio ancora in proiezione ai cinema in questi giorni- alle fatine, dai personaggi di videogiochi -sempre più tecnologici- alle tradizionali fatine, streghette e supereroi.

Cavalieri in fantomatiche armature, militari d'assalto o carte da gioco: tutti i costumi dei ragazzi sono stati accuratamente ricreati per la passerella di Romics.

Ma Romics non è soltato cosplay: nelle giornate di giovedì e venerdì si sono tenuti i workshop con i 7 Re di Romics. Sempre più attenzione quindi al contatto con i professionisti della nona arte, per infondere cultura e senso di professionalità: divenire fumettista, disegnatore, autore che dir si voglia, sono nuove professioni che vedono aprirsi in questo settore, e come tali, occorre prenderle sul serio -anche se sembra, ma ciò non toglie che ci si possa divertire anche lavorando.

Nell'Area Pro, la vera novità di quest'anno assieme al Pala Bcc, si sono dunque visionati i book di chi si è prenotato in tempo per questa edizione. Non tutti però hanno avuto la fortuna di avere un incontro con gli editori a caccia di nuovi talenti: invitiamo chi non è stato selezionato a ritentare il prossimo anno -se ci sarà di nuovo questo opportunità- e comunque a non abbattersi al primo no. Se avete del talento, qualcuno se ne accorgerà prima o poi: sta solo a voi, perseverare.


L'incontro con Vauro, nella sala Thor, è stato letteralmente preso d'assalto dai tanti partecipanti alla fiera: la piccola sala era gremita di persone tutte in religioso silenzio, attente nell'ascoltare ogni parola del satirico vignettista, noto ai più per le sue vignette che chiudevano un noto programma televisivo della Rai. Vauro ha condiviso con il moderatore e gli spettatori, alcuni episodi della sua carriera, i retroscena di alcune vignette, il suo impegno con Emergency, il suo modo di lavorare nel mondo della televisione e nei giornali. Il fumetto è un'arte che si sa adattare ed è più pungente e tagliente a volte, di qualsiasi altra forma di comunicazione: Vauro è veramente un maestro in questo.
Una chicca: a brevissimo, sarà ripresa la pubblicazione del mitico giornale "Il Male": ve ne daremo notizia non appena sarà uscito.

Più emozionante invece la telefonata con il Maestro Quino, il papà di Mafalda. Quino era atteso a Romics, ma per motivi di salute ha dovuto disdire il viaggio organizzato appositamente per la manifestazione.
Vincitore di uno dei Romics D'Oro -assieme ad Ivo Milazzo- Quino è tutt'oggi un autore attualissimo: ha vissuto la rivoluzione del '68, ha vissuto sulla sua pelle i tanti cambiamenti di questa frenetica società. Quelle sue vignette, quei suoi personaggi quasi privi di parole, che con la sola forza del disegno, hanno trasmesso a generazioni di appassionati quel suo personalissimo umorismo, a volte tendente al pessimismo, all'inquietudine e arrabbiatura di chi vede che il mondo girare proprio come non dovrebbe.

Ci auguriamo di festeggiare gli 80 di Quino a Romics il prossimo anno e che possa finalmente constatare di persona tutto l'affetto dei numerosi fans italiani.

Lo stand della Bonelli invece ha ospitato un grande libro ove i visitatori hanno potuto lasciare una dedica al grande editore Sergio, recentemente scomparso.

Le proiezioni invece hanno trovato posto nel Pala BCC, la seconda novità di quest'anno: una grande sala allestita per i grandi eventi e le proiezioni con 3000 posti a sedere. Ad inaugurare la sala, il film "Thor", in uscita in home-video proprio in questi giorni. Da segnalare anche la proiezione del making off di "Pirates", dagli stessi creatori di Wallace and Gromits e Galline in Fuga, che uscirà nelle sale nel 2012.

Incontro speciale per noi di A6 Fanzine, con la mitica Silvia Ziche: una dei 7 Re di Romics, in promozione con il suo ultimo lavoro "E' tutto sotto controllo", in anteprima a Romics 2011, ma disponibile in tutte le librerie dal 13 Ottobre.

Il fumetto è più vivo che mai e Romics lo rende emozione da vivere a 360 gradi.

Vi diamo appuntamento alla prossima edizione, Romics 2012 .







SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

9 commenti:

  1. Quest'anno non c'era il famigerato Uomo Ragno, ma in sostituzione abbiamo trovato l'Uomo Tigre e Superman (non ho una foto di quest'ultimo :( )

    Ci vediamo il prossimo anno :D

    RispondiElimina
  2. Bè diciamo che Sara è rimasta folgorata dall'Uomo Tigre ahahahah :D

    Comunque giornata divertente e fumettosa, ho avuto il piacere di incontrare e salutare amici, di prendere nuovi contatti (che servono sempre), di curiosare e fare qualche acquisto....eheheh il nuovo libro di Silvia Ziche con disegnino e dedica è mioooooo!!!!!!!!!

    Certo che io la fiera però la preferirei più a fumetti....mi pare che lo spazio per il fumetto, gli autori e gli editori sia sempre così poco....almeno è poco in confronto al resto, e poi ancor non lo sapevo ma ora ne ho la prova....noi siamo un paese di Cosplay...ma taaaaaanti taaaaaanti!!!!!!!! :P

    RispondiElimina
  3. @Isa: nn esageriamo.. è che ho trovato la maschera moooolto realistica :P

    RispondiElimina
  4. Beh... più che la maschera, dell'Uomo Tigre sono molto realistici i pettorali. ;)

    RispondiElimina
  5. @Pulci: tu dici? non me ne ero accorta :D
    ahahahahhahahaahhahaha

    RispondiElimina
  6. Ahahahah ma come....se ha il segno della macchina fotografica sui pettorali! :PPP

    RispondiElimina
  7. @Isa: no no... nn è affatto vero :D
    son stata molto gentile... ed educata.. :D Senza perdere la testa :P
    ahahahahahhahaha

    RispondiElimina
  8. Ahahahahahah ma bisogna averla una testa per perderla!!!! XD

    RispondiElimina
  9. @Isa: la mia testolina è ben ancorata al collo.. :D

    RispondiElimina

Cosa ne pensi? Scrivici