FIGLIA DI LUNA

Tia vuole aiutare la madre malata e il padre impegnato ad accudirla, ma allora chi si prende cura di lei? Greta Xella al suo primo graphic novel disegna un viaggio in un mondo magico per raccontare il punto di vista dei figli in condizioni di difficoltà, quando i punti di riferimento sono assenti e ci si sente lasciati indietro, ma bisogna trovare la propria forza per continuare a crescere.


BAO Publishing è lieta di annunciare l'uscita in tutte le librerie di Figlia di Luna, il primo graphic novel di Greta Xella.

Tia è ancora piccola quando sua madre si ammala, così si trova a crescere quasi da sola: la malattia pare sempre più insondabile e il padre è lontano per cercare una cura o preso ad accudire la compagna. Nel momento in cui questo male misterioso sembra diventare troppo grande, i genitori spariscono come per sortilegio. Toccherà alla piccola farsi coraggio e partire a sua volta per un viaggio irto di pericoli per capire come aiutare la sua famiglia e, soprattutto, essere forte per se stessa

Greta Xella, al suo primo graphic novel come autrice unica di storia e disegni, crea una favola iniziatica calata in un mondo fantasy. Una storia che parla delle difficoltà nel rapporto con i genitori, del bisogno di trovare un proprio posto nel mondo e di quanto non sia scontato credere nel proprio valore.



Figlia di Luna è disponibile in libreria dal 30 settembre 2021


Greta Xella, di età e ubicazione ignote. Da svariati anni sta cercando di ottenere la residenza nell'amigdala di Jodorowsky e nel mentre continua la sua lotta alla maledizione del segno perpetuo, una condizione abbastanza comune per la quale se non disegni niente per un tot di tempo, la tua vita finisce. Come una falena con il fuoco, Greta è attratta dai problemi, con cui alimenta in modo sconveniente il suo bisogno di comprendere le persone. Ossessionata dalla psicologia, dal misticismo e dalle luci di natale, le è stato suggerito da se stessa che sarebbe stato terapeutico iniziare a scrivere delle storie, in cui far convergere tutta la bile maniacale che la possiede e trasformarla in qualcosa di positivo.