Una vita cinese 3, la recensione

Titolo: Una vita cinese. Il tempo del denaro (terzo volume)
Autori: Li Kunwu e P. Ôtié
Traduzione: Giovanni Zucca
Editore: Add Editore
Pagine: 272
ISBN: 9788867831661
Prezzo libro: 19.50 €
Data di uscita: novembre 2017


Siamo giunti alla terza ed ultima parte del racconto grafico, o meglio del fumetto, di Li Kunwu e P. Ôtié.

Nelle puntate precedenti abbiamo avuto modo di conoscere la storia passata della famiglia di Li Kunwu, una storia che si intreccia con l'evoluzione ed il cambiamento culturale della Cina, tra tradizioni ed innovazioni, per un paese che ha cominciato la sua corsa verso il Capitalismo, sino a giungere a qualcosa di totalmente diverso dal passato, ma che ha comunque cambiato anche il viver delle persone.

Il terzo volume prosegue questa saga, ma con protagonista un Li Kunwu adulto, alle prese con il lavoro, l'amore, la famiglia e naturalmente la Patria.

Si parte dunque dal 1982, quando la rivoluzione culturale è ormai finita e lo Stato sembra lasciare spazio alle riforme e ai cambiamenti, diffondendo così il "germe" dell'innovazione e del cambiamento stesso.

I cambiamenti che avvengono sembrano rapidi, ma non è così. Tutta una vita -straordinaria- è raccontata attraverso le pagine di questa graphic novel edita da Add Editore, che sublima anche nella narrazione di alcuni aspetti della realizzazione di questo progetto fumettoso.

Nella vita di ognuno di noi ci sono vari risvolti: fantastici, da dimenticare, gioiosi e tristi. Li Kunwu ce li racconta, mettendosi a nudo e mostrando anche le sue fragilità. Quelle stesse che poi accomunano anche un popolo, di fronte ai cambiamenti e alla continua rincorsa per mettersi in pari con il mondo, se non addirittura avere l'obbiettivo di superare tutto e tutti.

Così anche le Olimpiadi diventano un traguardo ambitissimo per far conoscere la nuova Cina e la sua cultura millenaria, per dimostrare al mondo quanto sia cambiata e quanto ora sia potente.

Le pagine di Una Vita Cinese 3 però raccontano molto di più sulle emozioni e le sensazioni, un ritratto unico che viene donato al mondo e che finalmente si lascia scoprire, per una visione di quello che fino a poco tempo fa probabilmente ci era ignoto.

Una Vita Cinese 3 è un viaggio che ognuno dovrebbe compiere per comprendere appieno il passato e il futuro della Cina. Sicuramente scoprireste molte interessanti tematiche da approfondire magari andando a visitare quei luoghi personalmente.

Premio d'eccellenza del Japan Media Art Festival 2014 (Giappone); Dragone d'oro del Gran premio del fumetto cinese 2013 (Cina); doppia nomina agli Eisner Awards 2013 (USA); Premio Château de Cheverny del fumetto storico – Rendez-vous de l'Histoire de Blois 2010 (Francia); Premio del pubblico – Banda della storia di Blois 2010 (Francia); Premio del Pubblico – Ouest France du salon Quai des Bulles 2010 (Francia); nomina – Angoulême (Francia)

Li Kunwu è un cartoonist nato nel 1955 nella provincia dello Yunnan in Cina. È membro del Partito comunista cinese, amministratore dell'Associazione degli artisti dello Yunnan e dell'Istituto cinese dell'illustrazione per la stampa.

Philippe Ôtié ha vissuto in Asia per più di dieci anni, lavorando in ambito economico e bancario. La passione per il fumetto l'ha portato a lavorare alla sua prima opera, co-firmata da Li Kunwu.

SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici