Romics XXII edizione, il nostro resoconto



La XXII edizione di Romics si è appena conclusa, con un pubblico di visitatori di oltre 200.000 persone, confermandosi come sempre una delle migliori attrazioni della Nuova Fiera di Roma.

I piccoli cambiamenti che sono stati messi in atto dall'edizione precedente hanno dato vita a un flusso meno stressante e caotico del consueto, seppur le file chilometriche non siano mancate.


Da sottolineare anche i controlli di sicurezza da parte della Polizia di Stato agli ingressi della fiera, un modo per essere sempre più in sicurezza in un ambiente che ospita tantissime persone, molte delle quali minorenni.

Ad ogni modo, il pubblico di Romics è un pubblico che si nutre di fumetti, di animazione e di cosplay, dunque la nostra carrellata di news prende il via dalle mostre degli artisti.

A cominciare dalla mostra omaggio ai Beatles, mostra realizzata in occasione del cinquantesimo anniversario della pubblicazione del disco Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band. La mostra è stata realizzata in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti, curata da Enzo Gentile e Fabio Schiavo.


Tra le opere in esposizione si possono notare quella di Lillo, Greg, Eugenio Sicomoro, Giuseppe Palumbo, Sergio Staino, Laura Perez Vernetti, Midori Yamane, Paolo Barbieri, Yoshiko Watanabe,Massimo Rotundo, Mick Manning e Brita Granstrom, David Foenkinos, Eric Corbeyran e Horne Sergio Staino, Mario Gomboli, Stefano Babini, Lele Vianello, Mauro De Luca, Christian De Vita, Sergio Algozzino, Sergio Tisselli, Piero Ruggeri, l'artista creativaLady Be e Bruno Cannucciari.



Oltre alle tavole realizzate appositamente per questa mostra, vi sono esposti anche cimeli e memorabilia, provenienti da collezioni private.


Proseguendo con le mostre troviamo quella di Serpieri, con le sue sensuali eroine, passando attraverso il far west e le atmosfere fantascientifiche.


Immancabile anche Diabolik con la mostra "Diabolik al Muro", mezzo secolo di locandine e riproduzioni artistiche, con uno speciale omaggio a Sergio Zaniboni (recentemente scomparso) e grandissimo Maestro del fumetto.


Le mostre proseguono inoltre con l'omaggio grafico di diversi autori alla serie Evangelion, affiancate dalle tavole a fumetti apparse sulla rivista XL Repubblica, che hanno dato vita a una serie di autori di nuova generazione. Infine vi sono anche le tavole del libro dedicato al videogame The Legend of Zelda.






Attesissimi i Romics D'oro, che ricordiamo essere il Premio Oscar per gli effetti visivi Ben Morris; Shawn Martinbrough, eccezionale autore noir americano che ha collaborato anche per Batman, Hellboy e Capitan America; ed infine Paolo Eleuteri Serpieri, a cui è stata dedicata una delle mostre presenti all'interno di Romics.

Grazie alla collaborazione con il Palazzo delle Esposizioni, in concomitanza con Romics (ma proseguendo ben oltre, fino a Gennaio del 2018) si inaugura anche la mostra Mangasia. La mostra “Mangasia: Wonderlands of Asian Comics”, curata da Paul Gravett assieme a un team di oltre 20 esperti, offre la più ampia selezione di opere originali del fumetto asiatico, esposte accanto alle loro controparti commerciali, stampate per il mercato di massa. Molte di queste opere non sono mai state mostrate fuori dal proprio paese d'origine.

Lo spazio dedicato ai nuovi talenti e la Self Area trovano un punto di incontro proprio accanto allo stand della Regione Lazio, dove tante sono le opportunità da cogliere, sia in ambito lavorativo che creativo. Lo staff a disposizione del pubblico fornisce tutte le informazioni sui bandi in corso, ma anche sulle attività promosse dalla Regione Lazio. Uno spazio dunque dove anche gli emergenti, finalmente, si trovano al centro della manifestazione.

Adiacente vi è anche l'arena, punto di incontro e dibattito tra autori e pubblico, ma non solo. Spazio per presentazioni ed interviste, riguardanti non solo il mondo del fumetto, ma anche della letteratura, con ospiti Leonardo Patrignani (autore di Time Deal), Eleonora Oliveri (autrice di Il mio anno pazzesco), Marco Lorenzetti, Andrea Angiolino, Marco Magnone (autore di Berlin) e molti altri ancora.

Numerosi gli ospiti del mondo della nona arte, presenti presso gli stand delle rispettive casa editrici, come Sio, Sergio Algozzino, Stefano Caselli, Mattia Labadessa, Laura Perez Vernetti, Midori Yamane e molti altri ancora.

Il Movie Village come sempre celebrerà i film in uscita in autunno, tra cui IT, al quale è stato dedicato anche uno spazio interattivo dove il pubblico ha potuto fotografarsi tra palloncini rossi, indossando impermeabili gialli.

I cosplay vincitori di questa edizione sono Martina Mottola e Simone SattaThe old Hunter and Lady Maria of The Astral tratto da Bloodborne per il World Cosplay Summit; Carlo Visintini - The Linch King tratto da World of Warcraft per Yamato Cosplay Cup International ed infine Cristina Benfante -  Chang’e tratto da Smite per Eurocosplay di Londra.


Sempre in continuo fermento, Romics vi attende con altre gustose novità e un programma ricco di eventi all'edizione primaverile, dal 5 all'8 aprile 2018.

SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici