Emanuele Vietina chiamato da un'importante azienda lascia Lucca Crea e Lucca Comics & Games

Emanuele Vietina, chiamato da un'importante azienda globale della tecnologia, lascia Lucca Crea

Emanuele Vietina lascia il posto di direttore esecutivo di Lucca Crea Srl e di Lucca Comics & Games e intraprende una nuova sfida professionale. Cresciuto all'interno di Lucca Comics & Games, vicedirettore dal 2007, ha affiancato dal 2016 Renato Genovese alla direzione del festival per poi prendere le redini e guidare la trasformazione della compagine societaria in Lucca Crea Srl in qualità direttore esecutivo. Saluta il team dopo 17 anni e un percorso segnato dai numerossisimi successi di squadra e personali.

"Siamo orgogliosi che il nostro Emanuele sia stato scelto da un'importantissima azienda globale che opera nell'ambito della tecnologia - commenta Francesco Caredio, presidente di Lucca Crea - il suo successo personale è anche una conferma dell'alta qualità di questo team, della manifestazione e dell'azienda. Questo ci dà ancora maggior convinzione che la strada che stiamo seguendo, intrapresa grazie anche ad Emanuele, è quella giusta. Terremo d'occhio da Lucca i suoi successi e lo aspettiamo al festival nel suo nuovo ruolo".

"Una parte così importante della mia vita non si può condensare in un poche righe - aggiunge Emanuele Vietina - ho accettato questa chiamata consapevole che qui rimane una squadra irripetibile, fatta di leader e grandi talenti con esperienza sul campo, i quali sono pronti a finalizzare nel migliore dei modi l'edizione 2017 che abbiamo preparato insieme in questi mesi".

Nato a Lucca nel 1975, laureato in lettere moderne all'Università di Pisa, Vietina è un esperto di eventi crossmediali, giochi, videogame e cultura dell'immagine: in questo anno e mezzo di direzione ha rinnovato e rafforzato i processi di business della società lasciando la squadra di Lucca Crea preparata e forte.

a6fanzine

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici