Ammare. Vieni con me a Lampedusa, l'esordio narrativo di Alberto Pellai e Barbara Tamborini

Un romanzo che insegna ad amare se stessi e gli altri
senza confini e con la speranza nel cuore
Dai due celebri esperti dell'età evolutiva
uno straordinario romanzo di formazione
che parla d'amore, di adolescenza, di solitudine, di solidarietà

Alberto PELLAI e Barbara TAMBORINI
AMMARE
Vieni con me a Lampedusa
Con prefazione di Viviana Mazza

AUTORI PRESENTI ALLA BOLOGNA CHILDREN'S BOOKFAIR
Lunedì 3 aprile

Data di uscita: 28 marzo
pp. 256, 12,90 euro
target: 12+ 
Mattia ha quindici anni, Caterina tredici. Hanno mille domande e poche risposte: sul mondo, sul futuro, su di sé.
Le loro strade si incrociano. Prima, quasi per caso, nella vita reale. Poi, di proposito, tra le righe di un blog: Vieniconmealampedusa.it.
È Mattia a curare il blog, sotto falsa identità. Lì è Franz, un ragazzo che vuole sensibilizzare il mondo sul destino dei migranti.
L'idea nasce da una ricerca scolastica: lui che non si è mai messo davvero in gioco, lui che si nasconde dietro una massa di ricci disordinati, lui che ha una lista di sogni ben custodita nel cassetto, sente di non poter più rimanere in silenzio. Non davanti al dramma di chi muore nel mar Mediterraneo cercando una speranza, una via d'uscita.
Per la prima volta Mattia prende in mano la sua vita per fare qualcosa di concreto, per lasciare il segno. E invita un politico a trascorrere una settimana con lui in un centro per migranti. Forse questo non accadrà, forse nessun politico risponderà all'appello di Mattia, ma quello che il ragazzo troverà grazie al suo blog è molto di più. Migliaia di followers disposti ad alzare lo sguardo insieme a lui. E un'amica speciale, come Caterina.

"Questo libro, a partire dalla sua stessa struttura, ci mostra che esistono sempre molti punti di vista diversi: il mio, il tuo, quello della prof, del papà con cui litighi, della tua migliore amica e, chissà, forse persino le pagine su cui scrivi e capelli che hai in testa hanno una loro opinione che vale la pena considerare! immedesimarsi nella vita degli altri significa anche cercare di capire le loro ragioni, per quanto diverse e distanti dalla nostra."
Dalla prefazione di Viviana Mazza
 
Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta dell'età evolutiva, è ricercatore presso il dipartimento di Scienze Bio-Mediche dell'Università degli Studi di Milano, dove si occupa di prevenzione in età evolutiva. Nel 2004 il Ministero della Salute gli ha conferito la medaglia d'argento al merito della Sanità pubblica. È autore di molti best-seller per genitori, educatori e ragazzi, tra i quali Questa casa non è un albergo (2009), ispirato alla fortunata trasmissione che per anni ha condotto su Radio24 insieme a Nicoletta Carbone, Tutto troppo presto (2015), Girl R-evolution (2015) e L'età dello tsunami (2017). 
Barbara Tamborini, psicopedagogista, autrice di diversi testi sull'età evolutiva, ha vinto il Premio Giovanni Arpino inediti con Aiuto! Mi sono perso a Londra (2010). Ha pubblicato Reality mamma (2012) e vari libri con Alberto Pellai, tra cui Vi lasciate o mi lasciate? Come spiegare a un figlio la separazione dei genitori (2009), Q.A.F. Quoziente autostima famigliare (2011), Perché non ci sei più? Accompagnare i bambini nell'esperienza del lutto (2011), Lasciatemi crescere in pace! (2013), I papà vengono da Marte, le mamme da Venere (2014) e L'età dello tsunami (2017).


a6fanzine

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici