THE FUSE: venerdì 29 esce il primo volume della nuova serie targata Image Comics

THE FUSE: una nuova serie Image
Esce venerdì 29 il primo volume della serie
portata in Italia da saldaPress

Image Comics continua instancabile a produrre nuove serie che coprono tutto il panorama della narrazione contemporanea. E saldaPress continua a proporle al pubblico italiano, selezionandole con cura.

Venerdì 29 esce il primo volume di THE FUSE, una nuova e sorprendente serie fantascientifica dal taglio investigativo targata proprio Image, scritta dal veterano Antony Johnston e disegnata dal talentuoso Justin Greenwod.

Il volume s'intitola IL TURNO RUSSO (pagg. 160, euro 14.90) e ha per protagonisti due detective caratterialmente agli antipodi: il novellino Ralph Dietrich e la veterana Klem Ristovych. Collaborare per risolvere un caso apparentemente semplice di omicidio non dovrebbe essere troppo difficile nemmeno per loro. Ma cosa succede, se quell'omicidio è stato compiuto a 36.000 chilometri dalla Terra e le indagini si dipanano attraverso il Fuse, una città orbitante abitata da mezzo milione di persone? E, se Klem e Ralph sono gli unici detective nel Fuse disposti a indagare sul caso, riusciranno a mettere da parte le reciproche differenze per assicurare il colpevole alla giustizia, scoprire il marcio che si annida nella comunità spaziale e, nel frattempo, evitare di uccidersi a vicenda o farsi ammazzare?

L'intreccio del primo volume, gestito con straordinaria maestria da Antony Johnston, tiene attaccati alla pagina, col desiderio di scoprire chi c'è dietro i misteriosi omicidi avvenuti sulla stazione orbitante. Alla fine rimane la sensazione di aver letto qualcosa di unico: un perfetto mix tra fantascienza e police procedural. E rimane il desiderio di leggere presto il secondo volume.

IL TURNO RUSSO è disponibile in libreria, in fumetteria e nello shop del sito saldapress.com.
 


a6fanzine

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici