"7° piano" graphic novel su un caso di violenza nella coppia - con prefazione di L. Lipperini e postfazione di Amnesty International Italia‏

7° PIANO
di Åsa Grennvall
Esce per Hop! un toccante graphic novel sulla violenza di coppia


“Visti da fuori eravamo la coppia perfetta”


“La storia raccontata in questo graphic novel andrebbe letta da tutte le donne, anche da coloro che non hanno mai subito violenza, e da tutti gli uomini, anche quelli che mai, no davvero.
Perché non è così. Perché la violenza non è faccenda che riguardi gli altri, sia che la si subisca sia che la si infligga. È una possibilità che esiste dentro ciascuno di noi, specie nella fragilità feroce di questi anni, in cui l’abbandono è un orrore da cui difendersi, sia accettando la catena, sia legandola attorno al collo dell’altra.”
dalla prefazione di Loredana Lipperini

“Ciò che accade all’interno delle mura domestiche riguarda tutte e tutti.
Riguarda le istituzioni, che hanno il dovere di proteggere, prevenire e punire, ridando alle donne la fiducia e la voce. Riguarda i mezzi di comunicazione, che devono abbandonare le rappresentazioni stereotipate che rafforzano sentimenti di dominio e possesso degli uomini sulle donne. Riguarda le organizzazioni per i diritti umani, come Amnesty International, le cui campagne per il rispetto dei diritti delle donne devono essere sempre più efficaci. Riguarda, infine, chi avrà letto questo straordinario lavoro e deciderà, chiudendo il libro, di agire concretamente in favore dei diritti umani.”

dalla postfazione di Riccardo Noury - Portavoce - Amnesty International Italia

Scritta nel 2002, la storia di Åsa sembra anticipare di oltre un decennio una questione, quella della violenza sulle donne, divenuta emergenza nel nostro paese negli ultimi anni.

Åsa, studentessa di Belle Arti, incontra Nils che ha tutte le caratteristiche dell'uomo ideale: protettivo, gentile, attento. Nils è anche gelosissimo, un "difetto" che per Åsa non è niente altro che un'ulteriore prova di attaccamento. A poco a poco la gelosia diventa delirio narcisistico e Nils, in una lenta discesa nel dramma della violenza domestica, obbliga Åsa a rinunciare a tutto: vita sociale, amici, opinioni, gusti, storia personale, annientandone l'identità.

La violenza psicologica diventa a poco a poco violenza fisica.

Åsa, la protagonista di questo commovente graphic novel, è l'autrice stessa, la vicenda narrata è autobiografica, la sua scelta una scelta di denuncia.

La Grennvall riesce a descrivere la violenza all’interno di una coppia con il giusto equilibrio tra empatia e lucida analisi dei fatti.

Il suo tratto semplice e quasi naïf è funzionale a un messaggio diretto e immediato, brutale ed efficace. Nella sua apparente semplicità, questo lavoro attraversa tutta la gamma di sentimenti contrastanti che una donna coinvolta in una situazione simile può provare e il disegno, più di ogni fotografia e narrazione, rende estremamente chiaro, persino didattico, il senso del viaggio emotivo della protagonista verso la riconquista della propria autostima.


Iniziative:
Hop! donerà ad Amnesty International Italia 1,00 euro per ogni copia acquistata direttamente dall'e-shop del suo sito www.hopedizioni.com
Il costo del volume sarà di 10,00 € anziché 11,00 € spese di spedizione incluse.

Scheda tecnica
Titolo: 7° piano
Editore: Hop!
Autore: Åsa Grennvall
Collana: La vie en noir
Pagine: 84
Prezzo: € 11,00
ISBN: 978-88-97698-14-2
Formato: 17x24 cm
Uscita: 28 gennaio 2014

Åsa Grennvall
Åsa Grennvall è nata nel 1973 ed è una delle illustratrici e fumettiste svedesi più note e apprezzate.
Il suo segno, semplice ma fortemente espressivo, è prestato a storie spesso tristi e intense, ma trattate con
un senso dell'umorismo al contempo noir e liberatorio.
7° piano è una storia autobiografica: è stata la sua tesi di diploma al Master of Fine Arts del Konstfack
University College di Stoccolma nonché il suo primo graphic novel, uscito nel 2002 in Svezia.

SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici