Diábolo Edizioni presenta: "Marcinelle 1956", di Sergio Salma

DIÁBOLO EDIZIONI
presenta:

Marcinelle 1956

di Sergio Salma

Basato su fatti storici, questa emozionante graphic novel rende omaggio ai minatori morti
nella miniera di carbone del Bois du Cazier, a Marcinelle, in Belgio, l’8 agosto 1956.


Marcinelle, Belgio, 8 agosto 1956. Nella miniera di carbone del Bois du Cazier un carrello mal sistemato ed un malinteso nelle comunicazioni tra il fondo e la superficie causano la morte di 262 uomini, di cui 136 italiani. Sergio Salma rende loro omaggio ricostruendo la vicenda umana di Pietro Bellofiore, giovane minatore appena giunto dall’Italia, nei sette mesi precedenti la catastrofe. Fra la chiesa e la famiglia, il lavoro massacrante e i rari momenti di felicità strappati alla quotidianità (la prima Vespa!), Pietro fa un incontro che lo spingerà fuori dai binari della sua vita di emigrante. Fino al punto di sottrarsi al proprio destino?


Pietro, sai cosa c’è che non va in questo lavoro? È un lavoro di merda perché quando arriviamo in miniera al mattino, è ancora buio… e quando finiamo e usciamo dal buco, è già notte. È questa la vera miseria. Non vedere la luce.”


Sergio Salma (Charleroi-Belgio, 1960) trascorre l’infanzia nei quartieri operai nati all’ombra della crescente industria mineraria belga e fin da adolescente sviluppa la sua passione per la bande dessinée. Le sue prime pubblicazioni appaiono sulla mitica rivista belga (À suivre). È autore dei venti album della serie giovanile Nathalie; con la finzione storico-sociale di Marcinelle 1956, pubblicato da Casterman nella prestigiosa collana Écritures, ha cambiato totalmente il proprio universo di riferimento.


Titolo: Marcinelle 1956
Autrice: Sergio Salma
Formato: 17x24, brossurato con alette, 256 pagine in bianco e nero
ISBN: 978-84-15839-28-6
Prezzo: 15,95 € (iva inclusa)
Uscita in libreria: ultima settimana di giugno 2013

SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici