Pazza da Uccidere, il fumetto



ESCE “PAZZA DA UCCIDERE”: JACQUES TARDI ADATTA
IN VERSIONE GRAPHIC NOVEL
IL NOIR IRONICO E ANARCHICO DI MANCHETTE
Un noir sovversivo, ironico e anarchico, senza respiro e senza eroi. Una storia criminale che corre a rotta di collo verso un finale frenetico e sanguinoso. Dopo Posizione di tiro, Tardi adatta un altro romanzo cult di Manchette: il ritorno di una formidabile coppia di autori francesi, maestri della scrittura e del disegno.



Fumetti Coconino Press-Fandango
Autori: Jean-Patrick Manchette e Jacques Tardi
Titolo: Pazza da uccidere
Collana: Maschera Nera
Numero pagine: 104, bianco e nero
Prezzo: 17 euro
Uscita: Marzo 2013
ISBN: 9788876182358

Dopo Dostoevskij e Tolstoj il poliziesco rappresenta l’unica grande letteratura morale della nostra epoca”. _ Jean-Patrick Manchette
Julie, appena uscita da cinque anni di cure psichiatriche, trova lavoro come baby sitter. Deve prendersi cura di Peter, nove anni, orfano di entrambi i genitori e viziatissimo erede di una fortuna amministrata dallo zio Michel. Qualcuno vuole uccidere il bambino e dà l’incarico a Thompson, un killer professionista freddo e spietato, ma ormai nauseato dal mestiere e tormentato dall’ulcera... Con questi protagonisti Jean-Patrick Manchette, uno degli scrittori più rappresentativi e di culto del poliziesco francese, ha costruito un noir mozzafiato, denso di morti, colpi di scena e fantasmi che affiorano dal passato. Una discesa all’inferno, un racconto dal ritmo che va in crescendo e avvince il lettore fino alla frenetica, sanguinosa conclusione. Dopo Posizione di tiro (già pubblicato da Coconino Press) Jacques Tardi, un big del fumetto, adatta in versione graphic novel un altro celebre romanzo di Manchette. Lavorando sul testo, con i suoi disegni raffinati ed essenziali, Tardi ricrea alla perfezione le atmosfere oscure e il mondo violento di Manchette. Ma ci restituisce anche in modo brillante la sua gelida vena anarchica, la sua ironica, sovversiva critica ad ogni potere costituito. In queste spettacolari tavole a fumetti in bianco e nero rivive la scrittura chirurgica di Manchette, secca, sincopata e dai ritmi quasi jazz, in cui nessuna parola è superflua e le azioni definiscono la psicologia dei personaggi. Tardi non si limita ad illustrare ma interpreta, amplifica. Fa risuonare di nuove corde un romanzo chiave del noir contemporaneo.

“Manchette ama le situazioni di tensione che crescono fino ad esplodere. Pazza da uccidere è un viaggio nella follia degli uomini: un incubo che si svolge tra Parigi e i castelli della campagna francese, con il ritmo veloce di un road movie o un western”. _ Francois Guérif
Con Manchette il noir acquista coscienza di se stesso, si fa consapevolmente letteratura, oltre il consumo e la moda” _ Valerio Evangelisti
Dal racconto secco, rapido, scarnificato all’osso Tardi estrae una violenza espressionista che sconfina nel grottesco e nel macabro. Un artista unico”. _ Telerama

GLI AUTORI
Jacques Tardi è nato nel 1946 a Valence, e si è diplomato all'Ecole des arts décoratifs di Parigi. Nel 1970 debutta sulla rivista “Pilote” con storie scritte da Jean Giraud/Moebius e da Pierre Christin. Tra i suoi numerosi graphic novel Il demone dei ghiacci, ispirato a Jules Verne, e il ciclo delle avventure di Adèle Blanc-Sec, una rivisitazione del classico feuilleton dalla quale Luc Besson ha tratto un film. Negli anni ’80 Tardi ha adattato a fumetti alcuni romanzi polizieschi del popolare Léo Malet. In seguito ha realizzato La Guerre des tranchées, ambientato durante la prima guerra mondiale, e La Débauche con Daniel Pennac. Dalle opere noir di Manchette, Tardi ha già tratto due graphic novel: Posizione di tiro e Piccolo blues della costa ovest.
Jean-Patrick Manchette (1942-1995). Jazzista, scrittore e sceneggiatore, traduttore e critico letterario. In dieci anni, a partire dal 1971, ha pubblicato numerosi romanzi divenuti il principale modello di riferimento per il nuovo noir francese. Tra questi Posizione di tiro, Pazza da uccidere, Fatale e Nada, dal quale Claude Chabrol ha tratto un film.

COCONINO PRESS

Nata nel 2000 da un progetto di Igort e Carlo Barbieri, Coconino Press è la casa editrice che ha fatto conoscere in Italia i capolavori internazionali del romanzo a fumetti. Fra graphic novel e comics d’autore, la Coconino presenta le firme più importanti del fumetto, un linguaggio narrativo diffuso in tutto il mondo. Igort, Lorenzo Mattotti, David B, Gipi, José Munoz, Jiro Taniguchi, Daniel Clowes, Davide Toffolo: il catalogo della Coconino conta circa 300 titoli ed è in costante espansione, per raccontare da vicino l’evoluzione dell’arte del fumetto.

FANDANGO LIBRI

La Fandango Libri nasce nel 1999 nell’ambito della casa di produzione e distribuzione cinematografica Fandango di Domenico Procacci. Nel 2005 diventano soci della casa editrice gli scrittori Alessandro Baricco, Carlo Lucarelli, Edoardo Nesi, Sandro Veronesi e la sceneggiatrice Laura Paolucci. Nel corso degli anni la Fandango ha pubblicato autori come David Foster Wallace e Anna Politkovskaja, John Cheever e Alessandro Baricco. Oltre ad occuparsi di narrativa e di reportage, Fandango Libri negli ultimi anni ha cominciato ad occuparsi di fumetti, con la riproposizione integrale dell’opera di Andrea Pazienza e la pubblicazione di alcuni capolavori di Will Eisner, maestro indiscusso del graphic novel. Il direttore editoriale è Mario Desiati.

SDC

A6 Fanzine: fumetti, cinema, musica, giochi, festival, fiere, racconti e molto altro!

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Scrivici